Cerimonia di premiazione 2016

Incontro9Novembre - Slide


Si è tenuta il 9 novembre scorso, presso l’Aula Magna di Sant’Agostino, la cerimonia di fine anno di Luberg, l'associazione dei laureati dell'Università di Bergamo. Alla cerimonia, moderata da Fulvio Giuliani, voce di RTL, hanno partecipato il presidente di Luberg, Domenico Bosatelli e tutti i consiglieri dell’associazione.
Quando abbiamo deciso di partire con LUBERG", ha raccontato in apertura Bosatelli, "ho trovato subito collaborazioni con persone molto professionali, il che ha fatto partire il progetto con entusiasmo. L’università e i suoi laureati hanno elevato notevolmente la caratura sociale e culturale di tutta la Città. I laureati e la LUBERG devono essere una leva sociale anche per il futuro, dobbiamo riuscire a tenere in città questi ragazzi. Il successo del progetto LUBERG è stato per me e tutti i soci fondatori molto stimolante ma anche divertente per l’anima e la mente”.

Anche il rettore dell'Università di Bergamo Remo Morzenti Pellegrini, ha sottolineato come "le occasioni di incontro LUBERG siano un buon momento per fare il punto e ritrovare volti e sorrisi che è sempre un piacere incontrare. I veri protagonisti della serata sono gli studenti che sono stati premiati. Con loro noi di Unibg e LUBERG abbiamo voluto andare incontro ad una sfida essenziale: dare fiducia alle nuove generazioni. Non sappiamo come potrà essere il mondo professionale del futuro, ma dobbiamo immaginarlo e programmarlo. L’Università deve riuscire anche a stare al passo coi tempi, in questo mondo che cambia in maniera sempre più rapida. E questo può avvenire con il contatto delle idee”.
Franco Brevini, Presidente della Giuria del concorso letterario 2016, ha premiato i racconti finalisti di Simone Canesi, Elena Capizzi, Giada Cola, Gloria Maino, Paola Ricchiuti, Sara Santini, Letizia Scatà. La giuria, composta quest’anno da Daniela Angeletti (Socio LUBERG), Cristiana Cattaneo (Consigliere LUBERG), Alberto Ceresoli (Direttore de L’ECO DI BERGAMO), Aristide De Ciuceis (Socio LUBERG), Daniele Giglioli (Università di Bergamo) e Riccardo Nisoli (Direttore del CORRIERE DELLA SERA - BERGAMO) ha premiato “Quaderni bruciati” di Veronica Brescianini come racconto vincitore dell’edizione 2016; secondo classificato Giangiacomo Morozzo, con “Il miracolo della banlieu”; terzo posto per Elì Salomon Garcia, con il racconto dal titolo “Sally nel Kali Yuga”.

La cosa migliore durante la selezione e l’organizzazione del concorso", ha aggiunto Cristiana Cattaneo, consigliere LUBERG, "è stata vedere l’entusiasmo e l’impegno che i ragazzi hanno messo nella presentazione degli elaborati. Ma non solo. La qualità dei progetti che abbiamo ricevuto sia quest’anno che nelle scorse edizioni è sempre stata alta. Tant’è che il vincitore del concorso dello scorso anno sta ricevendo in continuazione premi e apprezzamenti”.
Anche Giovanna Ricuperati, consigliere dell’associazione, ha sottolineato nel corso della serata “il senso di forte appartenenza e riconoscenza a questo club, che mi ha dato molto e a cui mi sento sempre di dare molto. Qui si incontrano continuamente la dimensione del fare e del sapere, tipici anche della cultura del territorio bergamasco. Quello che tendiamo a fare è lavorare anche per sviluppare e spingere quello che deve e può essere un’economia intelligente. E lo facciamo liberi, neutrali e sopra tutte le parti”.

Il titolo di Laureato dell’anno è stato invece assegnato a Remo Morzenti Pellegrini, laureatosi presso l’Università degli Studi di Bergamo nel 1994 discutendo una tesi in Diritto amministrativo sulla normativa degli appalti pubblici in ambito nazionale e comunitario. Nell’Ateneo bergamasco ha svolti numerosi ruoli di vertice prima nel Senato accademico poi come membro del Consiglio di amministrazione e della Giunta di Ateneo. E’ stato poi Prorettore a fianco del Rettore Paleari nei sei anni del suo mandato, dal 2009 al 2015. Nel giugno del 2015 è stato eletto Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo e dall’ottobre dello stesso anno è Magnifico Rettore dell’Università degli studi di Bergamo. Nel 2016 l’Assemblea della Conferenza dei Rettori delle Università italiane lo ha designato come rappresentante in seno al “Consiglio universitario nazionale” di cui è diventato consigliere.

Il Premio agli studi - Neolaureato dell’anno è il riconoscimento per tutti quei giovani talenti che si affacciano al mondo del lavoro avendo già conseguito risultati eccellenti nel percorso di studio. I vincitori di quest’anno sono stati:
- Marina Belotti, dipartimento di scienze aziendali, economiche e metodi quantitativi;
- Paola Bianchi, dipartimento di lettere e filosofia;
- Matteo Cornali, dipartimento di ingegneria e scienze applicate;
- Marco Pravini, dipartimento di scienze umane e sociali;
- Chiara Rota Bulò, dipartimento di lingue, letterature straniere e comunicazione;
- Fabio Tellarini, dipartimento di ingegneria gestionale;
- Cristina Toti, dipartimento di giurisprudenza.

Al termine della cerimonia, il presidente Bosatelli ha rivolto un invito a tutti i giovani laureati: “i ragazzi devono riuscire a tirare fuori le unghie e i denti per avere successo. Bisogna avere idee, le conoscenze e mezzi. Le idee vanno cercate, le conoscenze acquisite, i mezzi presi. Questi ragazzi”, ha concluso, “sono capaci e volenterosi, ora devono solo darsi da fare per raggiungere i loro obiettivi e i loro sogni”.